Hazrat Inayat : Initiation pt. X (Italian)

Hazrat Inayat Khan: Iniziazione pt. X

Qui, continuando la serie di insegnamenti riguardo l’iniziazione, Hazrat Inayat Khan fa notare che ci si allontana dal gregge e si fa un passo che altri non compiono. Il post precedente della serie può essere trovato qui.

La parola iniziazione è interpretata da persone diverse in modi diversi. Da alcuni è considerata come un tipo di attaccamento a un certo ordine segreto, ma ciò che io intendo per iniziazione è compiere un passo avanti su un sentiero a voi sconosciuto.

Le iniziazioni sono di tre tipi diversi. Una iniziazione viene dall’interno di se stessi, e questa iniziazione è l’intenzione di una persona a procedere su un sentiero che non è generalmente preso dai suoi simili. Se ciò non viene dall’interno egli avrà sempre paura di compiere un passo oltre su un sentiero che altri attorno a lui non prendono, perché la concezione di una generalità non è quella di un individuo. La natura della maggioranza delle persone è come quella della pecora; ovunque viene portata una pecora, lì tutte le altre seguiranno. Uno dovrebbe capire che benché è la natura della pecora di muoversi in gregge, questa non è la vera natura dell’uomo. Egli negherà sempre di avere questa tendenza, e la disapproverà, e tuttavia egli farà proprio quella cosa senza sapere che la fa. Se vuoi vedere ciò, stai in piedi in mezzo alla strada e guarda in alto con sorpresa, agendo come se tu fossi assorbito da ciò che stai vedendo, e presto 20 persone staranno al tuo fianco, non solo le persone sciocche ma anche le sagge! Quindi, colui che è iniziato, che cammina sul sentiero dell’iniziazione, è qualcuno che si è alzato al di sopra della folla, e va avanti sulla sua strada individuale, indipendente da coloro che gli sono attorno.

Quando un uomo comincia a percepire che c’è qualcosa dietro il velo, quando comincia a sentire che c’è qualcosa che egli può conseguire con fatica, allora egli compie il primo passo sul sentiero che al momento non conosce. Uno non dovrebbe essere sorpreso se nota questa iniziazione in un bambino di 5 anni; nemmeno deve sorprendersi se non vede alcun segno di ciò in un uomo di sessanta anni; non ha avuto la tendenza verso ciò, e tutta la sua vita non ha pensato a questo. Ma colui che ha ricevuto questa iniziazione andrà avanti; persino nell’infanzia mostrerà la tendenza di compiere un passo avanti su un sentiero che altri non prendono.

Uno troverà questa iniziazione in tutti i differenti aspetti della vita. Un bambino  che prende una lavagna e una matita e che disegna un quadretto, pur non essendo un artista, ha già una tendenza a disegnare qualcosa, forse un’idea che non è un’idea del bambino  ma è assolutamente meravigliosa. Uno troverà un bambino mormorare o cantare un pezzo di musica per il quale un compositore sarà sorpreso di ascoltare. Sta facendo qualcosa che non è ordinario, qualcosa che arriva spontaneamente dalla sua anima e che mostra la sua iniziazione in quel sentiero. Si ascolterà anche un bambino parlare di certi argomenti, ed esprimere idee che sono piuttosto differenti da ciò che uno si aspetterebbe da un bambino, idee che sono forse addirittura oltre la comprensione di una persona adulta. Eppure il bambino ne parla; è la sua iniziazione. Ho conosciuto un bambino che mi chiede, “ perché uno deve inginocchiarsi in terra, perché uno si deve prostrare quando dicono che Dio è in alto?” ed un altro dire, “ Perché ci deve essere una direzione in cui una persona dovrebbe guardare per venerare, perché non dovrebbero essere tutte le direzioni equamente buone per venerare?”

Molte persone adulte hanno l’idea fissa per cui devono esprimere la loro venerazione in una certa direzione e non in un’altra e mai una volta nelle loro vite si sono chiesti perché. Uno troverà persone adulte che forse hanno venerato inginocchiandosi tutta la loro vita, e non si sono mai chiesti perché dovrebbero inginocchiarsi sulla terra, quando si suppone  debbano venerare Dio nei cieli. Quindi credere, venerare, essere pii, essere buoni, è piuttosto diverso dall’idea di essere iniziato. Iniziazione significa emergere dall’ordinario, è il sorgere al di sopra delle condizioni che sono comuni; e questo mostra la maturità dell’anima.

Il secondo livello è la materializzazione dell’iniziazione; e questa materializzazione è possibile con qualcuno che vive sulla terra. Perché la condizione per essere iniziati completamente è di diventare iniziati su questo piano terrestre, sul piano fisico dove uno vive e si sposta, e attraverso il quale uno sperimenta la vita.

Le persone creano molti misteri dal nome iniziazione, ma la semplice spiegazione dell’iniziazione è la fiducia da parte dell’allievo e la fiducia da parte dell’iniziatore. Ho sentito dal mio murshid, dal mio iniziatore, qualcosa che io non dimenticherò mai:” Questa amicizia, questa relazione che è portata dall’iniziazione tra due persone è qualcosa che non può essere rotta, è qualcosa che non può essere separata, è qualcosa che non può essere comparata con qualsiasi altra cosa nel mondo; essa appartiene all’eternità”.

Quando questa iniziazione avviene, diventa allora responsabilità dell’iniziatore  pensare al benessere del suo allievo; e diventa responsabilità dell’iniziato essere fedele e vero e fermo ed incrollabile attraverso tutte le prove ed i processi. Ci sono alcuni che andranno da una persona e vengono iniziati, e poi dopo vanno da un altro per essere iniziati, e poi da un terzo. Essi potrebbero andare da cento persone, ma diventeranno cento volte meno, invece che cento volte più benedette. Perché l’oggetto dell’amicizia non è fare tanti amici; lo scopo è di tenere l’amicizia stabile, immutabile, piena. E di tutti i tipi di amicizia, l’amicizia che è stabilizzata dall’iniziazione è la più sacra, un’amicizia che deve essere considerata al di là di tutte le altre relazioni nel mondo.

Continua….

Traduzione di Jennifer Medlock

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.